Categorie
Salute e benessere

Dopo la corsa: cos’è quel dolore all’anca? Tutte le risposte

Il dolore all’anca è un fastidio abbastanza frequente tra i runner. Può essere causato da una varietà di problemi che devono essere verificati da uno specialista. Al primo manifestarsi del dolore, durante o dopo una sessione di corsa, è bene prendersi subito un periodo di riposo. Il dolore, infatti, è sempre un segnale del nostro corpo da prendere in seria considerazione.

I tipi di dolore all’anca e le possibili cause

Ribadendo la necessità di effettuare un controllo specialistico per una corretta diagnosi della causa del dolore all’anca, ecco, di seguito, le tipologie di fastidi e le loro possibili cause:

Dolore sordo all’esterno dell’anca durante o dopo una corsa e irrigidimento dei muscoli delle gambe – La causa potrebbe essere una borsite: un’infiammazione della borsa sierosa dell’articolazione. Possibile soluzione: riposo, applicazioni di ghiaccio e di antinfiammatori.

Dolore crescente, con il passare degli allenamenti, verso l’interno dell’anca – Potrebbe dipendere da una frattura da stress, soprattutto se si corre principalmente sull’asfalto. Possibile soluzione: riposo o allenamento non traumatico (nuoto, camminata).

Dolore intermittente, la falcata è accompagnata da un “click” dell’articolazione – Potrebbe essere causato da una lacerazione della cartilagine, soprattutto se si ha avuto un’esperienza traumatica che ha interessato l’anca (distorsione, caduta). Possibile soluzione: interrompere gli allenamenti e consultare un medico specialista.

Dolore all’anca accompagnato da un dolore alla parte esterna del ginocchio – Quando il dolore interessa anche la parte esterna del ginocchio, potrebbe trattarsi della sindrome della banda ileotibiale: l’infiammazione dei legamenti che corrono lungo la fascia esterna della gamba che va dall’anca al ginocchio. Possibili soluzioni: cambiare scarpe (se troppo usurate), cambiare percorso (se prevede pendenze affrontate sempre allo stesso modo). Per questo tipo di dolore è possibile anche ricorrere agli antinfiammatori.